Eventi

Festa del Papà

Poron

Oggi è la festa del Papà, ed un pensiero va a Luciano Cerù.

Il mio rapporto con lui è stato molto intenso, oltre che genitore è stato per anni anche il mio datore di lavoro. Questo doppio ruolo ha generato ovviamente grandi conflitti ma anche grandi momenti di comunione.

Lavorare con mio padre è stato un insegnamento unico, cosa che ho condiviso con tante persone, ma soprattutto con mia sorella Maria Chiara. Molti lo ricordano ancora come un imprenditore illuminato. Ovviamente la determinazione a non deluderlo era una forza enorme che ci spingeva sia come figli che come collaboratori.

Oggi in occasione della festa dei Papà ricordo quanti sforzi abbiamo fatto per avere la sua riconoscenza, quante le volte che nella mia testa ho ripetuto la stessa litania.
‘Non ti deluderò’.

A distanza di anni ora sorrido, perché è da tempo ormai che questa frase non l’ho sentita più mia, improvvisamente non mi appartiene più. Ho realizzato che prima di deludere o meno qualcuno bisognerebbe pensare a non gettare al vento i nostri talenti ma utilizzarli nel migliore dei modi, con tenacia e perseveranza, che non necessariamente devono voler significare sacrificio. Il sacrificio è costrizione la tenacia una scelta. Quindi scegliere di compiere ogni azione nel miglior modo possibile.

“Quando sarò di fronte a Dio alla fine della mia vita, spero che non mi sarà rimasta nemmeno una briciola di talento e che io possa dire: ho usato tutto quello che mi hai dato”.

Paolo Cerù